Il nuovo lavoro accessorio

La legge di conversione del decreto 50/2017 approvata il 15 giugno, stabilisce una nuova disciplina sostitutiva del lavoro accessorio e dei voucher, con più limiti e regole ed una maggiore vigilanza da parte dell’Inps.  La disciplina e il pagamento delle prestazioni cambiano a seconda del committente. Ecco quindi i due nuovi strumenti che sostituiranno il lavoro accessorio a partire dal 10 luglio

 

 

Il libretto famiglia

Cos’è?

Il libretto famiglia è gestito online dall’Inps e contiene buoni del valore di 10 euro; con un buono si retribuisce un’ora di lavoro.

Chi può utilizzarlo?

Il libretto famiglia può essere utilizzato solo dalle persone fisiche.

In quali casi può essere utilizzato?

Il libretto famiglia può essere utilizzato per pagare attività come piccoli lavori domestici, lezioni private, assistenza domiciliare a bambini e anziani, ammalati o disabili. Il libretto famiglia potrà essere utilizzato anche per il bonus baby sitter e asilo nido.

Qual è il limite delle prestazioni eseguibili?

Il limite di prestazioni effettuabili dal lavoratore e riferite a un singolo committente è pari a 2.500 euro; in tutto l’anno, il lavoratore non può superare i 5.000 euro riferiti alla totalità dei committenti.

 

PrestO - contratto di prestazione occasionale

Cos’è?

Il contratto di prestazione occasionale è attivabile attraverso un portale online gestito dall’Inps; tramite esso, si può retribuire il lavoratore partendo da un minimo di 9 euro l’ora.

Chi può utilizzarlo?

PrestO può essere utilizzato solo dalle aziende che abbiano in forza un numero massimo di 5 dipendenti a tempo indeterminato.

In quali casi può essere utilizzato?

PrestO può essere usato dalle aziende per ricorrere a prestazioni occasionali; PrestO non può essere utilizzato nel caso di appalti di opere o servizi e nel settore edile, lapideo o agricolo (in quest’ultimo caso pensionati, disoccupati, studenti e persone che ricevono sussidi integrativi rappresentano un’eccezione all’esclusione).

Qual è il limite delle prestazioni eseguibili?

Come per il libretto famiglia, PrestO può essere utilizzato dal lavoratore fino limite di 2.500 euro per prestazioni riferite a un singolo committente e, in tutto l’anno, fino a 5.000 euro riferiti alla totalità dei committenti. Inoltre, il lavoratore non può superare le 280 ore di prestazioni nel corso dell’anno

 

 

X