La nuova normativa sui tirocini

 

La Regione Piemonte, con la D.G.R. n.85-6277 del 22 dicembre 2017, ha stabilito le nuove linee guida per la gestione dei tirocini, valevoli per i soli tirocini extracurriculari.

 

 

 

Il Tirocinante. I tirocinanti non possono:

  • Ricoprire ruoli o posizioni proprie dell’organizzazione del soggetto ospitante
  • Sostituire i lavoratori subordinati nei periodi di picco delle attività
  • Sostituire il personale in malattia, maternità o ferie

Il Soggetto ospitante. E’ vietato ospitare tirocinanti per lo svolgimento di mansioni equivalenti a quelle per cui il soggetto ospitante ha effettuato nella stessa unità operativa nei 12 mesi precedenti:

  • Licenziamento per giustificato motivo oggettivo
  • Licenziamenti collettivi
  • Licenziamento per superamento periodo comporto
  • Licenziamento mancato superamento periodo prova
  • Licenziamento per fine appalto
  • Risoluzione rapporto apprendistato per volontà datore di lavoro al termine del periodo formativo.

Durata. Minimo 2 mesi, massimo 6 mesi oppure 12 mesiper tirocini attivati con  soggetti svantaggiati (rifugiati, vittime di violenza, di tratta, titolari di permessi di soggiorno per motivi umanitari) o 24 mesi per i tirocini con disabili art. 1 co.1 legge 68/1999.

Limiti numerici.

  • Unità operative senza dipendenti o imprese individuali: 1 tirocinante
  • Unità operative fino a 5 dipendenti: 1 tirocinante
  • Unità operative tra 6 e 20 dipendenti: 2 tirocinanti
  • Unità operative con più di 20 dipendenti: 10% del numero di dipendenti con arrotondamento all’unità superiore

Premialità.

Per soggetti ospitanti con unità operative con più di 20 dipendenti a tempo indeterminato, in aggiunta alla quota del 10% prevista, è prevista la possibilità di assumere altri tirocinanti se l’azienda ha stipulato almeno un contratto di lavoro della durata minima di 6 mesi in questa misura:

  • 1 tirocinio se ha assunto almeno il 20% dei tirocinanti dei 24 mesi precedenti
  • 2 tirocini se ha assunto almeno il 50% dei tirocinanti dei 24 mesi precedenti
  • 3 tirocini se ha assunto almeno il 75% dei tirocinanti dei 24 mesi precedenti
  • 4 tirocini se ha assunto almeno il 100% dei tirocinanti dei 24 mesi precedenti

Sono esclusi dai limiti i tirocini con soggetti svantaggiati e disabili

Tutor. 1 tutor del soggetto ospitante può assistere al massimo 3 tirocinanti contemporaneamente

Indennità. Il tirocinante percepisce un’indennità non inferiore a 600 euro lordi mensili per 40 ore settimanali; in caso di part time, l’indennità è di minimo 300 euro lordi mensili per 20 ore settimanali. L’indennità deve essere corrisposta anche ai percettori di ammortizzatori sociali ed è cumulabile con il sostegno al reddito percepito.

L’ATTIVITA’ DEL TIROCINANTE DEVE RISULTARE EFFETTIVAMENTE FUNZIONALE ALL’APPRENDIMENTO E NON SOLO ALL’ESERCIZIO DI UNA MERA PRESTAZIONE LAVORATIVA (es. no catena di montaggio). In caso contrario, il tirocinio verrà trasformato in un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

 

X